Tutto scorre

E' passato tanto tempo, e con lui sono cambiate tante cose e tante continuano a cambiare...

Cambia il posto in cui vivere, la casa che per ora ti accoglie, gli alberi e le piante che vedi ogni giorno mentre fai colazione, affetti che nostro malgrado vanno via e altri che arriveranno a breve riempire la vita. Quando finiscono anche gli ultimi strascichi di una piccola tormenta, arriva il momento in cui ogni cosa trova la sua sistemazione, e cosí é successo anche alle foto degli ultimi mesi. Tra queste quelle di una toccata e fuga importante, breve e intensa: pochi giorni a Parigi per una full immersion nei musei. Breve perché é durata davvero poco, intensa perché é stata la mia prima volta a Parigi, ed ora veramente ho capito perché viene sempre associata all'arte, quando io pensavo fosse piú che altro uno stereotipo. Devo ammettere che noi l'arte ce la siamo proprio andata a cercare, e so bene che lontano dalle collezioni, nelle periferie, non succede cosí facilmente che dimentichi il grigio che accompagna l'inverno di questa cittá. Comunque é stato molto bello, e altrettanto lo é stato riguardare le piú di 1200 (!¡!) foto riportate: é stato un po' come ritornare lí. Per questo voglio metterne qui qualcuna, per chi come me non c'é mai stato e dovesse capitare in questo sito. Sono foto un po' mischiate dei vari musei (Louvre, musée de la Gare d'Orsay, musée du Quay Branly, il museo di Arti e Mestieri, il palazzo occupato da artisti in Rue de Rivoli 59 a due passi dal Louvre, la strada) ed ho postato soprattutto foto di vetri antichi, che sono cosí difficili da vedere, e altro che mi é particolarmente piaciuto. Purtroppo alcune sono un po' fuori fuoco, ma si sa, nei musei non si puó usare il flash ed io non avevo un tripode...

Scrivi commento

Commenti: 0